slideshow-imagesslideshow-imagesslideshow-imagesslideshow-imagesslideshow-imagesslideshow-images

SETÀP


…su questa terra sta nascendo qualcosa di buono!

SETÀP è un progetto di rigenerazione urbana, un orto urbano innovativo in piena osmosi con la città.
SETÀP nasce da un’idea di Tommaso Manfrini e del Comune di Rovereto e può svilupparsi grazie al bando indetto dal Comune per la gestione del terreno di circa 8000 metri quadrati, l’area di Orto San Marco.

SETÀP è un progetto altamente sperimentale, si pone come banco di prova per una collaborazione pubblico- privata che ha come obiettivo il “recupero” intelligente di un’area urbana in abbandono dotandola di un’autonomia progettuale per perseguire attività che possano rafforzare il bene comune.

SETÀP è un’area verde, in centro città, dove coltivare le biodiversità vegetale e umana. L’Orto è suddiviso in tre aree:
– un gelseto, dove abbiamo piantato più di 500 gelsi, con le cui foglie saranno allevai i bachi che produrranno la prima seta biologica trentina;
– un’area orticole, dove la nostra azienda agricola (www.mangiotrentino.it) coltiva parte dei suoi prodotti della terra;
– un’area iniziale aperta, dedicata al relax, alla formazione, alla vendita di prodotti (apertura prevista primavera 2022).

SETÀP vuole rispondere ai bisogni quotidiani della città legati agli stili di vita sostenibili e all’alimentazione sana. Vuole coinvolgere le persone in modo attivo, generare una ricaduta sul territorio in termini sociali, culturali ed economici. Si propone inoltre di integrare l’offerta turistica di Rovereto con percorsi interattivi e sensoriali sulle tradizioni e sui possibili futuri usi della seta.

Rigenerazione urbana

Area verde

Orto urbano

Un luogo aperto e innovativo per l'inclusione sociale

Biologico locale

Seta 2.0 – il futuro delle tradizioni

Punto Informativo e di vendita

Aula didattica formazione

Un orto urbano innovativo


SETÀP è un orto urbano innovativo in piena osmosi con la città Abbiamo 4 idee (molto sexy) da coltivare in campo, e stiamo cercando di avviare le giuste sinergie per realizzarle, le nostre idee.

 Recuperare le tradizioni seriche del Comune di Rovereto: in collaborazione con il Comune di Rovereto e l’Università di Trento, vogliamo riscoprire questa antica tradizione Roveretana. Per ora abbiamo piantato circa 500 gelsi di 8 specie diverse e su terreni diversi, per capire quale di questi meglio si adatta al nostro territorio. Il prossimo passo è quello di partire con un allevamento sperimentale di bachi (estate 2022) per avere la prima seta biologica prodotta interamente in Trentino!

 Promuovere la diffusione del biologico locale, rendendo viva l’esperienza e la relazione diretta produttore – consumatore. L’idea è quella di aprire qui un punto vendita di mangiotrentino.it attivo settimanalmente con un tecnico che risponderà a dubbi, perplessità, chiarimenti, curiosità in merito alle coltivazioni biologiche e alla biodiversità orticola (aprile 2022).

 Creare un’area relax all’interno di Setàp, dove promuovere la formazione costante per un consumo di cibo biologico e consapevole, attraverso attività conviviali, come aperitivi settimanali a contatto con i produttori locali e altri momenti proposti da esperti coltivatori, fra cui Marco Manfrini collaboratore esperto di sidro, coltivazione dei meli e pommelier certificato. L’Orto sarà aperto al pubblico a partire dalla primavera 2022.

 Realizzare un recupero intelligente dell’area urbana con la coltivazione della biodiversità sia vegetale che sociale. Creare un luogo aperto e innovativo sia nei modi che nella forma. Vogliamo restituire l’area alla città, aprendo un aula didattica all’aperto attiva tutto l’anno, per sviluppare dei percorsi di formazione con adulti e ragazzi. Già dall’autunno 2021 abbiamo attivato  è prevista l’attivazione progetti scolastici rivolti agli istituti formativi della Comunità della Vallagarina. Questa attività sarà ampliata con il passare del tempo.

La compagnia del baco


SETÀP è un progetto ambizioso.

Condotto da una compagnia di professioniste e professionisti che hanno scelto, con passione e spirito imprenditoriale, di lanciarsi in questa nuova avventura sul territorio, recuperare il terreno dell’Orto San Marco [ex Salvaterra], da anni incolto e ormai in disuso, per contribuire alla nascita di un progetto sperimentale attorno alla seta. Con noi la cooperativa Amalia Guardini che si occupa della co-gestione delle colture e si fa garante della promozione della biodiversità sociale con una presenza costante e operosa sui terreni di Setàp.

Tommaso

Tommaso

Professore, agronomo, presidente di Lagarina – ma soprattutto la mente dietro l’intero progetto.

Michela

Michela

Educatrice ambientale, conoscitrice di ogni specie animale e vegetale ma soprattutto del territorio, è l’anima del giardino didattico.

Giulia

Giulia

Progettista, esperta di fund-raising, ideatrice di contenuti e europeista convinta, supporta Tommaso nel coordinamento progettuale e amministrativo.

Elisa

Elisa

Designer, esperta di comunicazione multimediale e ideatrice di contenuti, si occupa di realizzare le cose belle che succedono nell’orto e di come raccontarle.

Marco

Marco

Primo pommelier d’Italia, si occupa del meleto e di quando in quando dà una mano a Tommaso con la ruspa.

Cooperativa Amalia Guardini S.C.S. ONLUS

Cooperativa Amalia Guardini S.C.S. ONLUS

La Società Cooperativa Sociale “Amalia Guardini” è un Centro Socio-Occupazionale che accoglie persone diversamente abili.

Vuoi partecipare al progetto?

Progetto Setap


Work in progress dell’area setap, dal campo incolto di gennaio 2021 fino alla piantumazione del prato fiorito di maggio

AllORTOFORMAZIONECOLTURE E CULTURE
Il giardino didattico
Il giardino didattico

FORMAZIONE

Il gelseto
Il gelseto

COLTURE E CULTURE

Produzione orticola (mangiotrentino)
Produzione orticola (mangiotrentino)

ORTO

2000

MQ terreno recuperato

215

La rete coinvolta

31

persone attive ogni settimana

15

anni di progettualità

TIPOLOGIE DI COLTIVAZIONI


Piantumazione aprile-maggio 2021

Gelseto per bachicoltura

Gelseto per bachicoltura con presenza di più varietà che permetteranno di valutare produttività di foglia.

Gelseto per frutto

Gelseto per frutto, presenti piante che verranno utilizzate per trasformazione e vendita diretta del frutto.

Per la tarda estate

Patate, mais, frumento, girasole che in tarda estate saranno sostituite da serre e tunnel per consentire produzioni tardo-autunnali, invernali e primaverili.

Siepe rustica una barriera naturale

Siepe rustica a carpino bianco e varietà arbustive mellifere con lo scopo di creare una barriera naturale a bassa manutenzione (difesa coltivazioni biologiche, limitare il rumore, “inquinanti” legati al traffico ecc.) favorire la presenza di insetti utili, aree di nidificazioni (un merlo ha già nidificando lo scorso aprile).

Il prato fiorito

Prato fiorito e prato mellifero per favorire la biodiversità degli impollinatori.

Orto circolare

Orto circolare che annualmente verrà dedicato alla biodiversità dei più comuni ortaggi presenti sulla tavola.

Piante aromatiche

Orto/giardino con piante aromatiche, officinali e alimurgiche (fiori eduli) della tradizione popolare locale.

Meleto

Meleto, coltivazioni di più varietà, anche locali.

La cooperativa Amalia Guardini

L’area orto/giardino e orto circolare assolveranno più funzioni e saranno gestite in collaborazione con gli ospiti della cooperativa Amalia Guardini www.cooperativaguardini.com

I nostri partner


Associazioni e aziende che sostengo il nostro progetto

Contatti

SETÀP “la compagnia del baco”

Address

via Pasqui, incrocio con via Parteli – Roverreto

Phone

0464076394 — Tommaso

Say Hello

hello@setap.eu

Thank You for the Email!

Your message has already arrived! We’ll contact you shortly.

Good day.

Dove trovarci


Il nostro orto…